Termini e condizioni di vendita

La disciplina del commercio elettronico in Italia è dettata dal D.lgs. 70/2003 che ha recepito la Direttiva 31/2000. Oltre a tali norme, si applicano quelle contenute nel Codice del Consumo (D.lgs. 206/2005) poste a tutela degli acquirenti. Ovviamente permane l’applicabilità del Codice Civile artt. 1321 cc – 1469 cc, norme applicabili a qualunque accordo.

D.lgs. 70/2003:
Art.7 (Informazioni generali obbligatorie)
1. Il prestatore, in aggiunta agli obblighi informativi previsti per specifici beni e servizi, deve rendere facilmente accessibili, in modo diretto e permanente, ai destinatari del servizio e alle Autorità competenti le seguenti informazioni:
a) il nome, la denominazione o la ragione sociale;
b) il domicilio o la sede legale;
c) gli estremi che permettono di contattare rapidamente il prestatore e di comunicare direttamente ed efficacemente con lo stesso, compreso l’indirizzo di posta elettronica;
d) il numero di iscrizione al repertorio delle attività economiche, REA, o al registro delle imprese;
e) gli elementi di individuazione, nonché gli estremi della competente autorità di vigilanza qualora un’attività sia soggetta a concessione, licenza od autorizzazione;
f) per quanto riguarda le professioni regolamentate:
1) l’ordine professionale o istituzione analoga, presso cui il prestatore sia iscritto e il numero di iscrizione;
2) il titolo professionale e lo Stato membro in cui è stato rilasciato;
3) il riferimento alle norme professionali e agli eventuali codici di condotta vigenti nello Stato membro di stabilimento e le modalità di consultazione dei medesimi;
g) il numero della partita IVA o altro numero di identificazione considerato equivalente nello Stato membro, qualora il prestatore eserciti un’attività soggetta ad imposta;
h) l’indicazione in modo chiaro ed inequivocabile dei prezzi e delle tariffe dei diversi servizi della società dell’informazione forniti, evidenziando se comprendono le imposte, i costi di consegna ed altri elementi aggiuntivi da specificare;
i) l’indicazione delle attività consentite al consumatore e al destinatario del servizio e gli estremi del contratto qualora un’attività sia soggetta ad autorizzazione o l’oggetto della prestazione sia fornito sulla base di un contratto di licenza d’uso.

Art.12 (Informazioni dirette alla conclusione del contratto)

1. Oltre agli obblighi informativi previsti per specifici beni e servizi, nonché a quelli stabiliti dall’articolo 3 del decreto legislativo 22 maggio 1999, n, 185. il prestatore, salvo diverso accordo tra parti che non siano consumatori, deve fornire in modo chiaro, comprensibile ed inequivocabile, prima dell’inoltro dell’ordine da parte del destinatario del servizio, le seguenti informazioni :

a) le varie fasi tecniche da seguire per la conclusione del contratto,
b) il modo in cui il contratto concluso sarà archiviato e le relative modalità di accesso;
c) i mezzi tecnici messi a disposizione del destinatario per individuare e correggere gli errori di inserimento dei dati prima di inoltrare l’ordine al prestatore;
d) gli eventuali codici di condotta cui aderisce e come accedervi per via telematica;
e) le lingue a disposizione per concludere il contratto oltre all’italiano;
f) I indicazione degli strumenti di composizione delle controversie.

2. Il comma 1 non è applicabile ai contratti conclusi esclusivamente mediante scambio di messaggi di posta elettronica o comunicazioni individuali equivalenti.

3. Le clausole e le condizioni generali del contratto proposte al destinatario devono essere messe a sua disposizione in modo che gli sia consentita la memorizzazione e la riproduzione.

Art.13 (Inoltro dell’ordine)

1. Le norme sulla conclusione dei contratti si applicano anche nei casi in cui il destinatario di un bene o di un servizio della società dell’informazione inoltri il proprio ordine per via telematica.

2. Salvo differente accordo tra parti diverse dai consumatori, il prestatore deve, senza ingiustificato ritardo e per via telematica, accusare ricevuta dell’ordine del destinatario contenente un riepilogo delle condizioni generali e particolari applicabili al contratto, le informazioni relative alle caratteristiche essenziali del bene o del servizio e l’indicazione dettagliata del prezzo, dei mezzi di pagamento, del recesso, dei costi di consegna e dei tributi applicabili.

3. L’ordine e la ricevuta si considerano pervenuti quando le parti alle quali sono indirizzati hanno la possibilità di accedervi.

4. Le disposizioni di cui ai commi 2 e 3 non si applicano ai contratti conclusi esclusivamente mediante scambio di messaggi di posta elettronica o comunicazioni individuali equivalenti.

Codice del Consumo (D.lgs. 206/2005)

Sezione II

Informazioni precontrattuali per il consumatore e diritto di recesso nei contratti a distanza e nei contratti negoziati fuori dei locali commerciali 

Art. 49.

Obblighi di informazione nei contratti a distanza e nei contratti negoziati fuori dei locali commerciali 
 1. Prima che il consumatore sia vincolato da un contratto a distanza o negoziato fuori dei locali commerciali o da una corrispondente offerta, il professionista fornisce al consumatore le informazioni seguenti, in maniera chiara e comprensibile:

a) le caratteristiche principali dei beni o servizi, nella misura adeguata al supporto e ai beni o servizi;

b) l’identità del professionista;

c) l’indirizzo geografico dove il professionista è stabilito e il suo numero di telefono, di fax e l’indirizzo elettronico, ove disponibili, per consentire al consumatore di contattare rapidamente il professionista e comunicare efficacemente con lui e, se applicabili, l’indirizzo geografico e l’identità del professionista per conto del quale agisce;

d) se diverso dall’indirizzo fornito in conformità della lettera c), l’indirizzo geografico della sede del professionista a cui il consumatore può indirizzare eventuali reclami e, se applicabile, quello del professionista per conto del quale agisce;

e) il prezzo totale dei beni o dei servizi comprensivo delle imposte o, se la natura dei beni o servizi comporta l’impossibilità di calcolare ragionevolmente il prezzo in anticipo, le modalità di calcolo del prezzo e, se del caso, tutte le spese aggiuntive di spedizione, consegna o postali e ogni altro costo oppure, qualora tali spese non possano ragionevolmente essere calcolate in anticipo, l’indicazione che tali spese potranno essere addebitate al consumatore; nel caso di un contratto a tempo indeterminato o di un contratto comprendente un abbonamento, il prezzo totale include i costi totali per periodo di fatturazione; quando tali contratti prevedono l’addebitamento di una tariffa fissa, il prezzo totale equivale anche ai costi mensili totali; se i costi totali non possono essere ragionevolmente calcolati in anticipo, devono essere fornite le modalità di calcolo del prezzo;

f) il costo dell’utilizzo del mezzo di comunicazione a distanza per la conclusione del contratto quando tale costo è calcolato su una base diversa dalla tariffa di base;

g) le modalità di pagamento, consegna ed esecuzione, la data entro la quale il professionista si impegna a consegnare i beni o a prestare i servizi e, se del caso, il trattamento dei reclami da parte del professionista;

h) in caso di sussistenza di un diritto di recesso, le condizioni, i termini e le procedure per esercitare tale diritto conformemente all’articolo 54, comma 1, nonché il modulo tipo di recesso di cui all’allegato I, parte B;
 i) se applicabile, l’informazione che il consumatore dovrà sostenere il costo della restituzione dei beni in caso di recesso e in caso di contratti a distanza qualora i beni per loro natura non possano essere normalmente restituiti a mezzo posta;

l) che, se il consumatore esercita il diritto di recesso dopo aver presentato una richiesta ai sensi dell’articolo 50, comma 3, o dell’articolo 51, comma 8, egli è responsabile del pagamento al professionista di costi ragionevoli, ai sensi dell’articolo 57, comma 3;

m) se non è previsto un diritto di recesso ai sensi dell’articolo 59, l’informazione che il consumatore non beneficerà di un diritto di recesso o, se del caso, le circostanze in cui il consumatore perde il diritto di recesso;

n) un promemoria dell’esistenza della garanzia legale di conformità per i beni;

o) se applicabili, l’esistenza e le condizioni dell’assistenza postvendita al consumatore, dei servizi postvendita e delle garanzie commerciali;

p) l’esistenza di codici di condotta pertinenti, come definiti all’articolo 18, comma 1, lettera f), del presente Codice, e come possa esserne ottenuta copia, se del caso;

q) la durata del contratto, se applicabile, o, se il contratto è a tempo indeterminato o è un contratto a rinnovo automatico, le condizioni per recedere dal contratto;

r) se applicabile, la durata minima degli obblighi del consumatore a norma del contratto;

s) se applicabili, l’esistenza e le condizioni di depositi o altre garanzie finanziarie che il consumatore è tenuto a pagare o fornire su richiesta del professionista;

t) se applicabile, la funzionalità del contenuto digitale, comprese le misure applicabili di protezione tecnica;


u) qualsiasi interoperabilità pertinente del contenuto digitale con l’hardware e il software, di cui il professionista sia a conoscenza o di cui ci si può ragionevolmente attendere che sia venuto a conoscenza, se applicabile;


v) se applicabile, la possibilità di servirsi di un meccanismo extra-giudiziale di reclamo e ricorso cui il professionista è soggetto e le condizioni per avervi accesso.


2. Gli obblighi di informazione precontrattuali, di cui al comma 1, si applicano anche ai contratti per la fornitura di acqua, gas o elettricità, quando non sono messi in vendita in un volume limitato o in quantità determinata, di teleriscaldamento o di contenuto digitale non fornito su un supporto materiale.

3. Nel caso di un’asta pubblica, le informazioni di cui al comma 1, lettere b), c) e d), possono essere sostituite dai corrispondenti dati della casa d’aste.


4. Le informazioni di cui al comma 1, lettere h), i) e l), possono essere fornite mediante le istruzioni tipo sul recesso di cui all’allegato I, parte A. Il professionista ha adempiuto agli obblighi di informazione di cui al comma 1, lettere h), i) e l), se ha presentato dette istruzioni al consumatore, debitamente compilate.

5. Le informazioni di cui al comma 1 formano parte integrante del contratto a distanza o del contratto negoziato fuori dei locali commerciali e non possono essere modificate se non con accordo espresso delle parti.


6. Se il professionista non adempie agli obblighi di informazione sulle spese aggiuntive o gli altri costi di cui al comma 1, lettera e), o sui costi della restituzione dei beni di cui al comma 1, lettera i), il consumatore non deve sostenere tali spese o costi aggiuntivi.

7. Nel caso di utilizzazione di tecniche che consentono una comunicazione individuale, le informazioni di cui al comma 1 sono fornite, ove il consumatore lo richieda, in lingua italiana.


8. Gli obblighi di informazione stabiliti nella presente sezione si aggiungono agli obblighi di informazione contenuti nel decreto legislativo 26 marzo 2010, n. 59, e successive modificazioni, e nel decreto legislativo 9 aprile 2003, n. 70, e successive modificazioni, e non ostano ad obblighi di informazione aggiuntivi previsti in conformità a tali disposizioni.


9. Fatto salvo quanto previsto dal comma 8, in caso di conflitto tra una disposizione del decreto legislativo 26 marzo 2010, n. 59, e successive modificazioni, e del decreto legislativo 9 aprile 2003, n. 70, e successive modificazioni, sul contenuto e le modalità di rilascio delle informazioni e una disposizione della presente sezione, prevale quest’ultima.


10. L’onere della prova relativo all’adempimento degli obblighi di informazione di cui alla presente sezione incombe sul professionista.

Art. 50.

Requisiti formali per i contratti negoziati fuori dei locali commerciali 

1. Per quanto riguarda i contratti negoziati fuori dei locali commerciali il professionista fornisce al consumatore le informazioni di cui all’articolo 49, comma 1, su supporto cartaceo o, se il consumatore è d’accordo, su un altro mezzo durevole. Dette informazioni devono essere leggibili e presentate in un linguaggio semplice e comprensibile.

2. Il professionista fornisce al consumatore una copia del contratto firmato o la conferma del contratto su supporto cartaceo o, se il consumatore è d’accordo, su un altro mezzo durevole, compresa, se del caso, la conferma del previo consenso espresso e dell’accettazione del consumatore in conformità all’articolo 59, comma 1, lettera o).

3. Se un consumatore vuole che la prestazione dei servizi ovvero la fornitura di acqua, gas o elettricità, quando non sono messi in vendita in un volume limitato o in quantità determinata, o di teleriscaldamento inizi durante il periodo di recesso previsto all’articolo 52, comma 2, il professionista esige che il consumatore ne faccia esplicita richiesta su un supporto durevole.

4. Per i contratti negoziati fuori dei locali commerciali in cui il consumatore ha chiesto espressamente i servizi del professionista ai fini dell’effettuazione di lavori di riparazione o manutenzione e in virtù dei quali il professionista e il consumatore adempiono immediatamente ai propri obblighi contrattuali e l’importo a carico del consumatore non supera i 200 euro:

a) il professionista fornisce al consumatore, prima che questi sia vincolato dal contratto, le informazioni di cui all’articolo 49, comma 1, lettere b) e c), e le informazioni concernenti il prezzo o le modalità di calcolo del prezzo, accompagnate da una stima del prezzo totale, su supporto cartaceo o, se il consumatore è d’accordo, su un altro mezzo durevole. Il professionista fornisce le informazioni di cui all’articolo 49, comma 1, lettere a), h) ed m), ma può scegliere di non fornirle su formato cartaceo o su un altro mezzo durevole se il consumatore ha espressamente acconsentito;

b) la conferma del contratto fornita conformemente al comma 2 del presente articolo contiene tutte le informazioni di cui all’articolo 49, comma 1.

Art. 51.


Requisiti formali per i contratti a distanza 

1. Per quanto riguarda i contratti a distanza il professionista fornisce o mette a disposizione del consumatore le informazioni di cui all’articolo 49, comma 1, in modo appropriato al mezzo di comunicazione a distanza impiegato in un linguaggio semplice e comprensibile. Nella misura in cui dette informazioni sono presentate su un supporto durevole, esse devono essere leggibili.

2. Se un contratto a distanza che deve essere concluso con mezzi elettronici impone al consumatore l’obbligo di pagare, il professionista gli comunica in modo chiaro ed evidente le informazioni di cui all’articolo 49, comma 1, lettere a), e), q) ed r), direttamente prima che il consumatore inoltri l’ordine. Il professionista garantisce che, al momento di inoltrare l’ordine, il consumatore riconosca espressamente che l’ordine implica l’obbligo di pagare. Se l’inoltro dell’ordine implica di azionare un pulsante o una funzione analoga, il pulsante o la funzione analoga riportano in modo facilmente leggibile soltanto le parole “ordine con obbligo di pagare” o una formulazione corrispondente inequivocabile indicante che l’inoltro dell’ordine implica l’obbligo di pagare il professionista. Se il professionista non osserva il presente comma, il consumatore non è vincolato dal contratto o dall’ordine.

3. I siti di commercio elettronico indicano in modo chiaro e leggibile, al più tardi all’inizio del processo di ordinazione, se si applicano restrizioni relative alla consegna e quali mezzi di pagamento sono accettati.

4. Se il contratto è concluso mediante un mezzo di comunicazione a distanza che consente uno spazio o un tempo limitato per visualizzare le informazioni, il professionista fornisce, su quel mezzo in particolare e prima della conclusione del contratto, almeno le informazioni precontrattuali riguardanti le caratteristiche principali dei beni o servizi, l’identità del professionista, il prezzo totale, il diritto di recesso, la durata del contratto e, nel caso di contratti a tempo indeterminato, le condizioni di risoluzione del contratto, conformemente all’articolo 49, comma 1, lettere a), b), e), h) e q). Le altre informazioni di cui all’articolo 49, comma 1, sono fornite dal professionista in un modo appropriato conformemente al comma 1 del presente articolo.

5. Fatto salvo il comma 4, se il professionista telefona al consumatore al fine di concludere un contratto a distanza, all’inizio della conversazione con il consumatore egli deve rivelare la sua identità e, ove applicabile, l’identità della persona per conto della quale effettua la telefonata, nonché lo scopo commerciale della chiamata e l’informativa di cui all’articolo 10 del decreto del Presidente della Repubblica 7 settembre 2010, n. 178.

6. Quando un contratto a distanza deve essere concluso per telefono, il professionista deve confermare l’offerta al consumatore, il quale è vincolato solo dopo aver firmato l’offerta o dopo averla accettata per iscritto; in tali casi il documento informatico può essere sottoscritto con firma elettronica ai sensi dell’articolo 21 del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, e successive modificazioni. Dette conferme possono essere effettuate, se il consumatore acconsente, anche su un supporto durevole.

7. Il professionista fornisce al consumatore la conferma del contratto concluso su un mezzo durevole, entro un termine ragionevole dopo la conclusione del contratto a distanza e al più tardi al momento della consegna dei beni oppure prima che l’esecuzione del servizio abbia inizio. Tale conferma comprende:

a) tutte le informazioni di cui all’articolo 49, comma 1, a meno che il professionista non abbia già fornito l’informazione al consumatore su un mezzo durevole prima della conclusione del contratto a distanza; e

b) se del caso, la conferma del previo consenso espresso e dell’accettazione del consumatore conformemente all’articolo 59, lettera o).

8. Se un consumatore vuole che la prestazione di servizi ovvero la fornitura di acqua, gas o elettricità, quando non sono messi in vendita in un volume limitato o in quantità determinata, o di teleriscaldamento inizi durante il periodo di recesso previsto all’articolo 52, comma 2, il professionista esige che il consumatore ne faccia richiesta esplicita.

9. Il presente articolo lascia impregiudicate le disposizioni relative alla conclusione di contratti elettronici e all’inoltro di ordini per via elettronica conformemente agli articoli 12, commi 2 e 3, e 13 del decreto legislativo 9 aprile 2003, n. 70, e successive modificazioni.

Art. 52.

Diritto di recesso

1. Fatte salve le eccezioni di cui all’articolo 59, il consumatore dispone di un periodo di quattordici giorni per recedere da un contratto a distanza o negoziato fuori dei locali commerciali senza dover fornire alcuna motivazione e senza dover sostenere costi diversi da quelli previsti all’articolo 56, comma 2, e all’articolo 57.
 2. Fatto salvo l’articolo 53, il periodo di recesso di cui al comma 1 termina dopo quattordici giorni a partire:
 a) nel caso dei contratti di servizi, dal giorno della conclusione del contratto;

b) nel caso di contratti di vendita, dal giorno in cui il consumatore o un terzo, diverso dal vettore e designato dal consumatore, acquisisce il possesso fisico dei beni o:

1) nel caso di beni multipli ordinati dal consumatore mediante un solo ordine e consegnati separatamente, dal


giorno in cui il consumatore o un terzo, diverso dal vettore e designato dal consumatore, acquisisce il possesso fisico dell’ultimo bene;

2) nel caso di consegna di un bene costituito da lotti o pezzi multipli, dal giorno in cui il consumatore o un terzo, diverso dal vettore e designato dal consumatore, acquisisce il possesso fisico dell’ultimo lotto o pezzo;
 3) nel caso di contratti per la consegna periodica di beni durante un determinato periodo di tempo, dal giorno in cui il consumatore o un terzo, diverso dal vettore e designato dal consumatore, acquisisce il possesso fisico del primo bene;


c) nel caso di contratti per la fornitura di acqua, gas o elettricità, quando non sono messi in vendita in un volume limitato o in quantità determinata, di teleriscaldamento o di contenuto digitale non fornito su un supporto materiale, dal giorno della conclusione del contratto.

3. Le parti del contratto possono adempiere ai loro obblighi contrattuali durante il periodo di recesso. Tuttavia, nel caso di contratti negoziati fuori dei locali commerciali, il professionista non può accettare, a titolo di corrispettivo, effetti cambiari che abbiano una scadenza inferiore a quindici giorni dalla conclusione del contratto per i contratti di servizi o dall’acquisizione del possesso fisico dei beni per i contratti di vendita e non può presentarli allo sconto prima di tale termine.

Art. 53.

Non adempimento dell’obbligo d’informazione sul diritto di recesso

1. Se in violazione dell’articolo 49, comma 1, lettera h), il professionista non fornisce al consumatore le informazioni sul diritto di recesso, il periodo di recesso termina dodici mesi dopo la fine del periodo di recesso iniziale, come determinato a norma dell’articolo 52, comma 2.

2. Se il professionista fornisce al consumatore le informazioni di cui al comma 1 entro dodici mesi dalla data di cui all’articolo 52, comma 2, il periodo di recesso termina quattordici giorni dopo il giorno in cui il consumatore riceve le informazioni.

Art. 54.

Esercizio del diritto di recesso

1. Prima della scadenza del periodo di recesso, il consumatore informa il professionista della sua decisione di esercitare il diritto di recesso dal contratto. A tal fine il consumatore può:

a) utilizzare il modulo tipo di recesso di cui all’allegato I, parte B; oppure

b) presentare una qualsiasi altra dichiarazione esplicita della sua decisione di recedere dal contratto.

2. Il consumatore ha esercitato il proprio diritto di recesso entro il periodo di recesso di cui all’articolo 52, comma 2, e all’articolo 53 se la comunicazione relativa all’esercizio del diritto di recesso è inviata dal consumatore prima della scadenza del periodo di recesso.

3. Il professionista, oltre alle possibilità di cui al comma 1, può offrire al consumatore l’opzione di compilare e inviare elettronicamente il modulo di recesso tipo riportato all’allegato I, parte B, o una qualsiasi altra dichiarazione esplicita sul sito web del professionista. In tali casi il professionista comunica senza indugio al consumatore una conferma di ricevimento, su un supporto durevole, del recesso esercitato.

4. L’onere della prova relativa all’esercizio del diritto di recesso conformemente al presente articolo incombe sul consumatore

Art. 55.

Effetti del recesso 

1. L’esercizio del diritto di recesso pone termine agli obblighi delle parti:

a) di eseguire il contratto a distanza o negoziato fuori dei locali commerciali; oppure

b) di concludere un contratto a distanza o negoziato fuori dei locali commerciali nei casi in cui un’offerta sia stata fatta dal consumatore.

Art. 56.

Obblighi del professionista nel caso di recesso 1. Il professionista rimborsa tutti i pagamenti ricevuti dal consumatore, eventualmente comprensivi delle spese di consegna, senza indebito ritardo e comunque entro quattordici giorni dal giorno in cui è informato della decisione del consumatore di recedere dal contratto ai sensi dell’articolo 54. Il professionista esegue il rimborso di cui al primo periodo utilizzando lo stesso mezzo di pagamento usato dal consumatore per la transazione iniziale, salvo che il consumatore abbia espressamente convenuto altrimenti e a condizione che questi non debba sostenere alcun costo quale conseguenza del rimborso. Nell’ipotesi in cui il pagamento sia stato effettuato per mezzo di effetti cambiari, qualora questi non siano stati ancora presentati all’incasso, deve procedersi alla loro restituzione. È nulla qualsiasi clausola che preveda limitazioni al rimborso nei confronti del consumatore delle somme versate in conseguenza dell’esercizio del diritto di recesso.

2. Fatto salvo il comma 1, il professionista non è tenuto a rimborsare i costi supplementari, qualora il consumatore abbia scelto espressamente un tipo di consegna diversa dal tipo meno costoso di consegna offerto dal professionista.


3. Salvo che il professionista abbia offerto di ritirare egli stesso i beni, con riguardo ai contratti di vendita, il professionista può trattenere il rimborso finché non abbia ricevuto i beni oppure finché il consumatore non abbia dimostrato di aver rispedito i beni, a seconda di quale situazione si verifichi per prima.

Art. 57.

Obblighi del consumatore nel caso di recesso

1. A meno che il professionista abbia offerto di ritirare egli stesso i beni, il consumatore restituisce i beni o li consegna al professionista o a un terzo autorizzato dal professionista a ricevere i beni, senza indebito ritardo e in ogni caso entro quattordici giorni dalla data in cui ha comunicato al professionista la sua decisione di recedere dal contratto ai sensi dell’articolo 54. Il termine è rispettato se il consumatore rispedisce i beni prima della scadenza del periodo di quattordici giorni. Il consumatore sostiene solo il costo diretto della restituzione dei beni, purché il professionista non abbia concordato di sostenerlo o abbia omesso di informare il consumatore che tale costo è a carico del consumatore. Nel caso di contratti negoziati fuori dei locali commerciali in cui i beni sono stati consegnati al domicilio del consumatore al momento della conclusione del contratto, il professionista ritira i beni a sue spese qualora i beni, per loro natura, non possano essere normalmente restituiti a mezzo posta.


2. Il consumatore è responsabile unicamente della diminuzione del valore dei beni risultante da una manipolazione dei beni diversa da quella necessaria per stabilire la natura, le caratteristiche e il funzionamento dei beni. Il consumatore non è in alcun caso responsabile per la diminuzione del valore dei beni se il professionista ha omesso di informare il consumatore del suo diritto di recesso a norma dell’articolo 49, comma 1, lettera h).


3. Qualora un consumatore eserciti il diritto di recesso dopo aver presentato una richiesta in conformità dell’articolo 50, comma 3, o dell’articolo 51, comma 8, il consumatore versa al professionista un importo proporzionale a quanto è stato fornito fino al momento in cui il consumatore ha informato il professionista dell’esercizio del diritto di recesso, rispetto a tutte le prestazioni previste dal contratto. L’importo proporzionale che il consumatore deve pagare al professionista è calcolato sulla base del prezzo totale concordato nel contratto. Se detto prezzo totale è eccessivo, l’importo proporzionale è calcolato sulla base del valore di mercato di quanto è stato fornito.


4. Il consumatore non sostiene alcun costo per:

a) la prestazione di servizi o la fornitura di acqua, gas o elettricità, quando non sono messi in vendita in un volume limitato o in quantità determinata, o di teleriscaldamento, in tutto o in parte, durante il periodo di recesso quando:

1) il professionista ha omesso di fornire informazioni in conformità all’articolo 49, comma 1, lettere h) ed l); oppure

2) il consumatore non ha espressamente chiesto che la prestazione iniziasse durante il periodo di recesso in conformità all’articolo 50, comma 3, e dell’articolo 51, comma 8; oppure

b) la fornitura, in tutto o in parte, del contenuto digitale che non è fornito su un supporto materiale quando:
 1) il consumatore non ha dato il suo previo consenso espresso circa l’inizio della prestazione prima della fine del periodo di quattordici giorni di cui all’articolo 52;

2) il consumatore non ha riconosciuto di perdere il diritto di recesso quando ha espresso il suo consenso; oppure

3) il professionista ha omesso di fornire la conferma conformemente all’articolo 50, comma 2, o all’articolo 51, comma 7.

5. Fatto salvo quanto previsto nell’articolo 56, comma 2, e nel presente articolo, l’esercizio del diritto di recesso non comporta alcuna responsabilità per il consumatore.

Art. 59.

Eccezioni al diritto di recesso

1. Il diritto di recesso di cui agli articoli da 52 a 58 per i contratti a distanza e i contratti negoziati fuori dei locali commerciali è escluso relativamente a:

a) i contratti di servizi dopo la completa prestazione del servizio se l’esecuzione è iniziata con l’accordo espresso del consumatore e con l’accettazione della perdita del diritto di recesso a seguito della piena esecuzione del contratto da parte del professionista;

b) la fornitura di beni o servizi il cui prezzo è legato a fluttuazioni nel mercato finanziario che il professionista non è in grado di controllare e che possono verificarsi durante il periodo di recesso;

c) la fornitura di beni confezionati su misura o chiaramente personalizzati;

d) la fornitura di beni che rischiano di deteriorarsi o scadere rapidamente;

e) la fornitura di beni sigillati che non si prestano ad essere restituiti per motivi igienici o connessi alla protezione della salute e sono stati aperti dopo la consegna;


f) la fornitura di beni che, dopo la consegna, risultano, per loro natura, inscindibilmente mescolati con altri beni;


g) la fornitura di bevande alcoliche, il cui prezzo sia stato concordato al momento della conclusione del contratto di vendita, la cui consegna possa avvenire solo dopo trenta giorni e il cui valore effettivo dipenda da fluttuazioni sul mercato che non possono essere controllate dal professionista;

h) i contratti in cui il consumatore ha specificamente richiesto una visita da parte del professionista ai fini dell’effettuazione di lavori urgenti di riparazione o manutenzione. Se, in occasione di tale visita, il professionista fornisce servizi oltre a quelli specificamente richiesti dal consumatore o beni diversi dai pezzi di ricambio necessari per effettuare la manutenzione o le riparazioni, il diritto di recesso si applica a tali servizi o beni supplementari;


i) la fornitura di registrazioni audio o video sigillate o di software informatici sigillati che sono stati aperti dopo la consegna;

l) la fornitura di giornali, periodici e riviste ad eccezione dei contratti di abbonamento per la fornitura di tali pubblicazioni;


m) i contratti conclusi in occasione di un’asta pubblica;

n) la fornitura di alloggi per fini non residenziali, il trasporto di beni, i servizi di noleggio di autovetture, i servizi di catering o i servizi riguardanti le attività del tempo libero qualora il contratto preveda una data o un periodo di esecuzione specifici;

o) la fornitura di contenuto digitale mediante un supporto non materiale se l’esecuzione è iniziata con l’accordo espresso del consumatore e con la sua accettazione del fatto che in tal caso avrebbe perso il diritto di recesso.

Art. 61.
 Consegna

1. Salva diversa pattuizione delle parti del contratto di vendita, il professionista è obbligato a consegnare i beni al consumatore senza ritardo ingiustificato e al più tardi entro trenta giorni dalla data di conclusione del contratto.

2. L’obbligazione di consegna è adempiuta mediante il trasferimento della disponibilità materiale o comunque del controllo dei beni al consumatore.


3. Se il professionista non adempie all’obbligo di consegna dei beni entro il termine pattuito ovvero entro il termine di cui al comma 1, il consumatore lo invita ad effettuare la consegna entro un termine supplementare appropriato alle circostanze. Se il termine supplementare così concesso scade senza che i beni gli siano stati consegnati, il consumatore è legittimato a risolvere il contratto, salvo il diritto al risarcimento dei danni.


4. Il consumatore non è gravato dall’onere di concedere al professionista il termine supplementare di cui al comma 3 se:

a) il professionista si è espressamente rifiutato di consegnare i beni, ovvero;

b) se il rispetto del termine pattuito dalle parti per la consegna del bene deve considerarsi essenziale, tenuto conto di tutte le circostanze che hanno accompagnato la conclusione del contratto, ovvero;


c) se il consumatore ha informato il professionista, prima della conclusione del contratto, che la consegna entro o ad una data determinata è essenziale.

5. Nei casi previsti dal comma 4, se non riceve in consegna il bene entro il termine pattuito con il professionista ovvero entro il termine di cui al comma 1, il consumatore è legittimato a risolvere immediatamente il contratto, salvo il diritto al risarcimento dei danni.


6. Nel caso di risoluzione posta in essere dal consumatore a norma dei commi 3 e 5, il professionista è tenuto a rimborsargli senza indebito ritardo tutte le somme versate in esecuzione del contratto.

7. È fatta salva la possibilità per il consumatore di far valere i diritti di cui al Capo XIV del Titolo II del Libro IV del codice civile.

Art. 62.

Tariffe per l’utilizzo di mezzi di pagamento

1. Ai sensi dell’articolo 3, comma 4, del decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 11, i professionisti non possono imporre ai consumatori, in relazione all’uso di determinati strumenti di pagamento, spese per l’uso di detti strumenti, ovvero nei casi espressamente stabiliti, tariffe che superino quelle sostenute dal professionista.


2. L’istituto di emissione della carta di pagamento riaccredita al consumatore i pagamenti in caso di addebitamento eccedente rispetto al prezzo pattuito ovvero in caso di uso fraudolento della propria carta di pagamento da parte del professionista o di un terzo. L’istituto di emissione della carta di pagamento ha diritto di addebitare al professionista le somme riaccreditate al consumatore

Art. 63.

Passaggio del rischio

1. Nei contratti che pongono a carico del professionista l’obbligo di provvedere alla spedizione dei beni il rischio della perdita o del danneggiamento dei beni, per causa non imputabile al venditore, si trasferisce al consumatore soltanto nel momento in cui quest’ultimo, o un terzo da lui designato e diverso dal vettore, entra materialmente in possesso dei beni.


2. Tuttavia, il rischio si trasferisce al consumatore già nel momento della consegna del bene al vettore qualora quest’ultimo sia stato scelto dal consumatore e tale scelta non sia stata proposta dal professionista, fatti salvi i diritti del consumatore nei confronti del vettore.

Art. 66-bis.
Foro competente
1. Per le controversie civili inerenti all’applicazione delle Sezioni da I a IV del presente capo la competenza territoriale inderogabile è del giudice del luogo di residenza o di domicilio del consumatore, se ubicati nel territorio dello Stato.

Art. 66-quater.
Informazione e ricorso extragiudiziale
1. Le comunicazioni e i documenti relativi ai contratti negoziati fuori dai locali commerciali e ai contratti a distanza, ivi compresi i moduli, i formulari, le note d’ordine, la pubblicità o le comunicazioni sui siti Internet, devono contenere un riferimento al presente Capo.
2. L’operatore può adottare appositi codici di condotta, secondo le modalità di cui all’articolo 27-bis.
3. Per la risoluzione delle controversie sorte dall’esatta applicazione dei contratti disciplinati dalle disposizioni delle sezioni da I a IV del presente capo è possibile ricorrere alle procedure di risoluzione extragiudiziale delle controversie, di cui alla parte V, titolo II-bis, del presente codice.
Titolo III

Garanzia legale di conformità e garanzie commerciali per i beni di consumo


Capo I

Della vendita dei beni di consumo

Art. 128.

Ambito di applicazione e definizioni

1. Il presente capo disciplina taluni aspetti dei contratti di vendita e delle garanzie concernenti i beni di consumo. A tali fini ai contratti di vendita sono equiparati i contratti di permuta e di somministrazione nonche’ quelli di appalto, di opera e tutti gli altri contratti comunque finalizzati alla fornitura di beni di consumo da fabbricare o produrre.


2. Ai fini del presente capo si intende per:

a) beni di consumo: qualsiasi bene mobile, anche da assemblare, tranne:

1) i beni oggetto di vendita forzata o comunque venduti secondo altre modalita’ dalle autorita’ giudiziarie, anche mediante delega ai notai;

2) l’acqua e il gas, quando non confezionati per la vendita in un volume delimitato o in quantita’ determinata;
 3) l’energia elettrica;

b) venditore: qualsiasi persona fisica o giuridica pubblica o privata che, nell’esercizio della propria attivita’ imprenditoriale o professionale, utilizza i contratti di cui al comma 1;

c) garanzia convenzionale ulteriore: qualsiasi impegno di un venditore o di un produttore, assunto nei confronti del consumatore senza costi supplementari, di rimborsare il prezzo pagato, sostituire, riparare, o intervenire altrimenti sul bene di consumo, qualora esso non corrisponda alle condizioni enunciate nella dichiarazione di garanzia o nella relativa pubblicita’;

d) riparazione: nel caso di difetto di conformita’, il ripristino del bene di consumo per renderlo conforme al contratto di vendita.

3. Le disposizioni del presente capo si applicano alla vendita di beni di consumo usati, tenuto conto del tempo del pregresso utilizzo, limitatamente ai difetti non derivanti dall’uso normale della cosa.

Art. 129.

Conformita’ al contratto

1. Il venditore ha l’obbligo di consegnare al consumatore beni conformi al contratto di vendita.

2. Si presume che i beni di consumo siano conformi al contratto se, ove pertinenti, coesistono le seguenti circostanze:

a) sono idonei all’uso al quale servono abitualmente beni dello stesso tipo;

b) sono conformi alla descrizione fatta dal venditore e possiedono le qualita’ del bene che il venditore ha presentato al consumatore come campione o modello;

c) presentano la qualita’ e le prestazioni abituali di un bene dello stesso tipo, che il consumatore puo’ ragionevolmente aspettarsi, tenuto conto della natura del bene e, se del caso, delle dichiarazioni pubbliche sulle caratteristiche specifiche dei beni fatte al riguardo dal venditore, dal produttore o dal suo agente o rappresentante, in particolare nella pubblicita’ o sull’etichettatura;

d) sono altresi’ idonei all’uso particolare voluto dal consumatore e che sia stato da questi portato a conoscenza del venditore al momento della conclusione del contratto e che il venditore abbia accettato anche per fatti concludenti.

3. Non vi e’ difetto di conformita’ se, al momento della conclusione del contratto, il consumatore era a conoscenza del difetto non poteva ignorarlo con l’ordinaria diligenza o se il difetto di conformita’ deriva da istruzioni o materiali forniti dal consumatore.

4. Il venditore non e’ vincolato dalle dichiarazioni pubbliche di cui al comma 2, lettera c), quando, in via anche alternativa, dimostra che:

a) non era a conoscenza della dichiarazione e non poteva conoscerla con l’ordinaria diligenza;

b) la dichiarazione e’ stata adeguatamente corretta entro il momento della conclusione del contratto in modo da essere conoscibile al consumatore;

c) la decisione di acquistare il bene di consumo non e’ stata influenzata dalla dichiarazione.

5. Il difetto di conformita’ che deriva dall’imperfetta installazione del bene di consumo e’ equiparato al difetto di conformita’ del bene quando l’installazione e’ compresa nel contratto di vendita ed e’ stata effettuata dal venditore o sotto la sua responsabilita’. Tale equiparazione si applica anche nel caso in cui il prodotto, concepito per essere installato dal consumatore, sia da questo installato in modo non corretto a causa di una carenza delle istruzioni di installazione.

Art. 130.
Diritti del consumatore

1. Il venditore è responsabile nei confronti del consumatore per qualsiasi difetto di conformità esistente al momento della consegna del bene.

2. In caso di difetto di conformità, il consumatore ha diritto al ripristino, senza spese, della conformità del bene mediante riparazione o sostituzione, a norma dei commi 3, 4, 5 e 6, ovvero ad una riduzione adeguata del prezzo o alla risoluzione del contratto, conformemente ai commi 7, 8 e 9.


3. Il consumatore può chiedere, a sua scelta, al venditore di riparare il bene o di sostituirlo, senza spese in entrambi i casi, salvo che il rimedio richiesto sia oggettivamente impossibile o eccessivamente oneroso rispetto all’altro.

4. Ai fini di cui al comma 3 è da considerare eccessivamente oneroso uno dei due rimedi se impone al venditore spese irragionevoli in confronto all’altro, tenendo conto:


a) del valore che il bene avrebbe se non vi fosse difetto di conformità;

b) dell’entità del difetto di conformità;

c) dell’eventualità che il rimedio alternativo possa essere esperito senza notevoli inconvenienti per il consumatore.

5. Le riparazioni o le sostituzioni devono essere effettuate entro un congruo termine dalla richiesta e non devono arrecare notevoli inconvenienti al consumatore, tenendo conto della natura del bene e dello scopo per il quale il consumatore ha acquistato il bene.

6. Le spese di cui ai commi 2 e 3 si riferiscono ai costi indispensabili per rendere conformi i beni, in particolare modo con riferimento alle spese effettuate per la spedizione, per la mano d’opera e per i materiali.
 7. Il consumatore può richiedere, a sua scelta, una congrua riduzione del prezzo o la risoluzione del contratto ove ricorra una delle seguenti situazioni:

a) la riparazione e la sostituzione sono impossibili o eccessivamente onerose;

b) il venditore non ha provveduto alla riparazione o alla sostituzione del bene entro il termine congruo di cui al comma 5; (1)

c) la sostituzione o la riparazione precedentemente effettuata ha arrecato notevoli inconvenienti al consumatore.



8. Nel determinare l’importo della riduzione o la somma da restituire si tiene conto dell’uso del bene.

9. Dopo la denuncia del difetto di conformità, il venditore può offrire al consumatore qualsiasi altro rimedio disponibile, con i seguenti effetti:

a) qualora il consumatore abbia già richiesto uno specifico rimedio, il venditore resta obbligato ad attuarlo, con le necessarie conseguenze in ordine alla decorrenza del termine congruo di cui al comma 5, (2) salvo accettazione da parte del consumatore del rimedio alternativo proposto;

b) qualora il consumatore non abbia già richiesto uno specifico rimedio, il consumatore deve accettare la proposta o respingerla scegliendo un altro rimedio ai sensi del presente articolo.

10. Un difetto di conformità di lieve entità per il quale non è stato possibile o è eccessivamente oneroso esperire i rimedi della riparazione o della sostituzione, non dà diritto alla risoluzione del contratto.

Art. 132.
 Termini

1. Il venditore e’ responsabile, a norma dell’articolo 130, quando il difetto di conformita’ si manifesta entro il termine di due anni dalla consegna del bene.

2. Il consumatore decade dai diritti previsti dall’articolo 130, comma 2, se non denuncia al venditore il difetto di conformita’ entro il termine di due mesi dalla data in cui ha scoperto il difetto. La denuncia non e’ necessaria se il venditore ha riconosciuto l’esistenza del difetto o lo ha occultato.


3. Salvo prova contraria, si presume che i difetti di conformita’ che si manifestano entro sei mesi dalla consegna del bene esistessero gia’ a tale data, a meno che tale ipotesi sia incompatibile con la natura del bene o con la natura del difetto di conformita’.

4. L’azione diretta a far valere i difetti non dolosamente occultati dal venditore si’ prescrive, in ogni caso, nel termine di ventisei mesi dalla consegna del bene; il consumatore, che sia convenuto per l’esecuzione del contratto, puo’ tuttavia far valere sempre i diritti di cui all’articolo 130, comma 2, purche’ il difetto di conformita’ sia stato denunciato entro due mesi dalla scoperta e prima della scadenza del termine di cui al periodo precedente.

Oltre alla normativa richiamata, è stata recentemente emanata una Direttiva Europea (nel 2020) volta a garantire maggior trasparenza alle operazioni commerciali che si svolgono nell’epoca del digitale. Quindi impone ulteriori restrizioni ai commercianti on-line:

  • divieto di recensioni false;

  • divieto di sponsorizzazioni che trasmettono messaggi falsi;

  • trasparenza nell’informare se il prodotto è venduto da un privato o da un commerciante;

  • divieto di promuovere riduzioni di prezzo falsate;

  • i comparatori di prezzo dovranno specificare i criteri di classificazione.

    ____

Termini e condizioni

Contratto di Vendita Online
Venditore:
I beni oggetto delle presenti condizioni generali sono posti in vendita da Sea Holiday srl unipersonale con sede in Viareggio (LU), Piazza Mazzini n. 22 – 55049 Viareggio (LU), e-mail: info@ruffogroup.it iscritta presso la Camera di Commercio di Lucca al n. LU-105607 del Registro delle Imprese, codice fiscale e partita IVA 00890020464 di seguito indicata anche come “Venditore”.
L’acquisto di un prodotto attraverso il nostro sito www.grupporuffo.com e l’utilizzo del sito www.grupporuffo.com implicano la conoscenza, l’accettazione e l’applicazione senza alcuna riserva dei nostri termini e condizioni che diventano pertanto parte legalmente vincolante del contratto. Le presenti Condizioni Generali disciplinano gli acquisti effettuati sul sito www.grupporuffo.com conformemente alle disposizioni del Codice del Consumo, D.lgs. n. 206/2005, modificato dal D.lgs. n. 21/2014 e dal D.lgs. 70/2003 in materia di commercio elettronico. Sea Holiday srl unipersonale, si riserva il diritto di modificare le presenti condizioni di vendita in qualsiasi momento e tale modifica sarà applicata a tutti gli ordini successivi alla pubblicazione della modifica stessa. Si invita pertanto l’utente a consultare le presenti Condizioni di Vendita pubblicate sul sito web prima di ogni ordine in modo da valutare ed accettare le modifiche intercorse dal suo ultimo accesso.
1. Definizioni:
1.1 Contratto di vendita online o contratto
Con l’espressione “contratto di vendita online o contratto” si intende il contratto di compravendita relativo a beni mobili del venditore pubblicati sul sito www.grupporuffo.com, stipulato tra questi e l’Acquirente nell’ambito di un sistema di vendita a distanza tramite strumenti telematici organizzato dal Venditore.
1.2 Acquirente
Con l’espressione “Aquirente” si intende la persona fisica che compie l’acquisto di cui al presente contratto, per scopi non riferibili all’attività commerciale o professionale eventualmente svolta. Anche detto nelle presenti condizioni “Cliente”.
1.3 Venditore
Con l’espressione “Venditore” si intende il soggetto come sopra identificato ovvero il soggetto che vende beni attraverso il sito web www.grupporuffo.com.
1.4 Oggetto del contratto
Oggetto del contratto sono i beni materiali presentati e offerti sul sito sopra specificato che sono mostrati con specifica e dettagliata indicazione delle loro caratteristiche nella sezione del sito denominata https:// grupporuffo.com/negozio/. Si precisa che:

– le taglie, le forme e i colori degli articoli offerti potrebbero essere difformi da quelli reali. Le immagini ed i colori quindi devono essere considerati come indicativi ed esemplificativi ed hanno lo scopo di presentare il prodotto. Tuttavia le illustrazioni potrebbero non rappresentare tutti gli aspetti del prodotto reale, e potrebbero sussistere lievi differenze cromatiche o estetico/morfologiche, dovute unicamente al procedimento di riproduzione fotografico. Tali eventuali difformità non potranno essere oggetto di rivendicazioni da parte del Cliente. Nonostante Sea Holiday srl unipersonale adotti tutte le misure ed accorgimenti volti ad assicurare che le fotografie mostrate sul sito siano riproduzioni fedeli dei propri prodotti, sono sempre possibili alcune variazioni a causa delle caratteristiche tecniche e di risoluzione dei colori di cui è dotato il computer o il dispositivo del cliente. Vi invitiamo pertanto a fare riferimento alla descrizione scritta.

– LENTI A CONTATTO: Sea Holiday srl unipersonale consiglia di acquistare solo prodotti già utilizzati e

che hanno passato la prova di tollerabilità per la vostra persona. Per evitare irritazioni o patologie più gravi per i vostri occhi, vi consigliamo un controllo semestrale o annuale della vista presso il vostro medico oculista. Per ordinare sul nostro sito occorre essere già portatori di lenti a contatto; selezionando tale prodotto e ultimando le procedure di acquisto, l’Acquirente dichiara di essere consapevole di quanto sopra e che le lenti a contatto acquistate corrispondono a quelle abitualmente utilizzate e prescritte dal proprio medico oculista o ottico optometrista e di effettuare regolari e periodici controlli della vista; dichiara altresì di aver letto specificamente e di aver compreso le prescrizioni sull’applicazione, sul corretto uso e sulla manutenzione delle lenti a contatto visionabili al seguente link https://grupporuffo.com/ guida-al-corretto-utilizzo-delle-lenti-a-contatto/ , link che verrà incluso nella comunicazione di conferma dell’ordine e che rimarrà sempre consultabile da parte dell’Acquirente”; dichiara infine che Sea Holiday srl unipersonale, non potrà essere ritenuta responsabile per danni, pretese, indennizzi di qualsivoglia tipologia derivanti o anche solo connessi dalla violazione delle dichiarazioni di cui sopra (conoscenza istruzioni per l’uso dilenti a contatto e dichiarazione di essere già portatore di lenti) e/o da intolleranze oincompatibilità individuali al prodotto, da cattiva manutenzione o dal mancato rispetto delle istruzioni da parte

2. Adeclcle’Attaczqiuoinrendtel.le condizioni generali:
2.1 Accesso al sito internet
L’Acquirente è consapevole di poter accedere al sito e concludere il contratto con il Venditore esclusivamente attraverso la rete internet. Il costo della connessione a tale rete è a carico dell’Acquirente secondo i termini stabiliti dal proprio venditore di connettività.
2.2 Validità delle Condizioni Generali
Le presenti condizioni generali sono valide dal giorno di conclusione del presente contratto e si considerano valide a tempo indeterminato; esse devono essere esaminate online dall’Acquirente, prima del completamento della procedura d’acquisto.
2.3 Accettazione delle condizioni
L’inoltro della conferma d’ordine d’acquisto e l’utilizzo del sito implicano la totale conoscenza e accettazione senza alcuna riserva delle presenti condizioni generali di vendita.
Con l’accettazione delle presenti condizioni inoltre l’Acquirente dichiara espressamente di compiere l’acquisto per fini estranei all’attività commerciale o professionale eventualmente esercitata.

3. Conclusione del contratto:

Sea Holiday srl unipersonale offre al Cliente la possibilità di acquistare i Prodotti, direttamente dalla sezione del Sito (di seguito, lo “Shop”). Il Cliente può acquistare i soli Prodotti presenti nel catalogo online dello Shop, così come descritti nelle relative schede informative.
3.1 Acquisto dei Prodotti
Il Cliente può visionare nello Shop tutti i Prodotti disponibili per l’acquisto, selezionare i Prodotti di suo interesse e aggiungerli al carrello (di seguito, il “Carrello”). Nel Carrello, il Cliente può verificare:i Prodotti selezionati;

  • il prezzo dei Prodotti, il costo di spedizione, ed il costo complessivo della spesa;

  • aggiungere o eliminare i Prodotti selezionati, cliccando sui relativi simboli;

  • inserire eventuali codici promozionali.

    Il Cliente viene informato della disponibilità del Prodotto al momento dell’acquisto.
    I Prodotti non immediatamente disponibili sono contrassegnati con la dicitura “Esaurito”.

    3.2 Ordine di Acquisto
    Terminata la selezione dei Prodotti, il Cliente, seguendo le istruzioni fornite dal Sito, procede a:

• •

inserire i dati personali e i dati per la spedizione del Prodotto (di seguito, i “Dati del Cliente”);

selezionare una delle modalità di pagamento dell’ordine tra quelle ammesse da Sea Holiday srl unipersonale

confermare i dati immessi ed inviare l’ordine a Sea Holiday srl unipersonale (di seguito, “Ordine”). Riepilogo dell’Ordine

3.3 Riepilogo dell’Ordine
Eseguita la procedura di cui ai paragrafi che precedono, il Cliente potrà visionare e verificare sulla pagina web di riferimento la correttezza dei dati del riepilogo dell’Ordine, del prezzo del Prodotto e delle spese di spedizione (di seguito, il “Riepilogo dell’Ordine”).
Nel caso in cui il Cliente riscontri un errore, è tenuto a darne immediata comunicazione a Sea Holiday srl unipersonale nelle forme previste dall’art. 14 che segue.


3.4Accettazione dell’Ordine
L’Ordine sarà ricevuto da Sea Holiday srl unipersonale solo nel caso in cui l’intera procedura di acquisto sia stata completata correttamente e regolarmente, senza che il Sito evidenzi alcun messaggio di errore. L’accettazione da parte di Sea Holiday srl unipersonale dell’ordine di acquisto del Prodotto si intende verificata quando l’Ordine perviene al server di Sea Holiday srl unipersonale e determina l’addebito dell’importo della spesa (comprensiva anche delle spese di spedizione) mediante lo strumento di pagamento selezionato dal Cliente.
3.5 Presa in carico dell’Ordine
La corretta ricezione dell’Ordine verrà confermata da Sea Holiday srl unipersonale mediante e- mail riepilogativa dell’Ordine, inviata all’indirizzo di posta elettronica indicato dal Cliente in sede di acquisto (di seguito, “E-mail Riepilogativa”). Nella E-mail Riepilogativa sono indicati:

  • i Dati del Cliente ivi compreso l’indirizzo di spedizione;

  • il Prodotto o i Prodotti selezionati e le relative caratteristiche essenziali;

  • il prezzo finale, comprensivo dell’IVA delle spese di spedizione e consegna;

  • la modalità di pagamento prescelta;

  • la conferma della presa in carico dell’ordine.

    Il Cliente deve verificare la correttezza dei dati contenuti nell’E-mail Riepilogativa e comunicare tempestivamente a Sea Holiday srl unipersonale eventuali errori o imprecisioni, secondo le modalità descritte nelle presenti Condizioni Generali.
    3.6 Conferma d’ordine

    All’esito delle verifiche da parte di Sea Holiday srl unipersonale circa l’avvenuto pagamento, la disponibilità del prodotto richiesto e l’esattezza dei dati comunicati, quest’ultima invierà un’ulteriore comunicazione all’Acquirente con conferma dell’ordine che costituirà accettazione della proposta d’acquisto.
    3.7 Il contratto di compravendita si riterrà concluso quando il cliente avrà ricevuto tale seconda comunicazione da parte di Sea Holiday srl unipersonale e si ritiene concluso nel luogo in cui ha sede il Venditore.

    3.8 Comunicazione per mancata accettazione di Ordini incompleti, inesatti o per pagamento non andato a buon fine
    La mancata accettazione dell’Ordine dovuta a errore nella procedura e/o nell’esecuzione del pagamento sarà comunicata da Sea Holiday srl unipersonale mediante e-mail inviata all’indirizzo di posta elettronica indicato dal Cliente.

    3.9 Tracking Number
    Sea Holiday srl unipersonale – ovvero il vettore prescelto – procederà a trasmettere all’indirizzo e-mail del Cliente il numero identificativo della spedizione (il c.d. “Tracking Number”), con cui il Cliente
    può verificare lo stato della spedizione nei modi e nelle forme previsti dal vettore
    3.10 Confermando l’ordine, l’acquirente dichiara di aver consapevolmente accettato il contenuto e
    le condizioni dell’Ordine in questione e in, particolare le presenti Condizioni Generali di Vendita, i prezzi, le caratteristiche e le quantità, i tempi di consegna, nonché le condizioni di pagamento dichiarando di aver preso visione ed accettato tutte le indicazioni da lui fornite prendendo altresì atto che il Venditore non si ritiene vincolato a condizioni diverse se non preventivamente concordate per scritto.


3.11 Il ricevimento dell’ordine non impegna il Venditore fino a quando il medesimo non abbia inviato la comunicazione di conferma di avvenuto pagamento dell’ordine/conferma d’ordine con indicazione del numero d’ordine come indicato al punto 3.6.
4. Prezzo di vendita:

4.1 I prezzi di vendita dei prodotti pubblicati e offerti sul sito www.grupporuffo.com sono indicati in EURO e sono i prezzi in vigore al momento dell’invio dell’ordine da parte dell’Acquirente.
4.2 I prezzi sono comprensivi di IVA ma non includono le spese di spedizione e gli oneri accessori. Queste possono variare e sono riepilogati nella procedura di acquisto prima dell’inoltro dell’ordine e nella mail riepilogativa inviata a seguito della procedura di acquisto.

4.3 I prodotti e i prezzi indicati sul sito, non costituiscono per il consumatore offerta al pubblico bensì un invito a formulare un’offerta per il prodotto. Devono pertanto ritenersi indicativi e soggetti a conferma espressa via e-mail da parte del Venditore una volta corrisposto il prezzo.
4.4 Modifica unilaterale dei prezzi

I prezzi di vendita possono essere modificati unilateralmente da Sea Holiday srl unipersonale e la modifica apportata non si applicherà agli ordini già completati e inoltrati al Venditore.
4.5 Errore sui prezzi
Sea Holiday srl unipersonale mette in atto tutti gli accorgimenti possibili affinché tutti i prezzi indicati sul Sito siano corretti, senza che ciò, tuttavia, possa garantire l’assenza di errori.

Laddove Sea Holiday srl unipersonale riscontrasse il verificarsi di un errore/disguido tecnico o altro inconveniente a causa del quale il sito riporti un prezzo diverso da quello normale di vendita, contatterà il cliente e darà al Cliente la possibilità di riconfermare l’ordine dei Prodotti al prezzo corretto oppure di cancellarlo.

4.6 Sconti e promozioni
Sea Holiday srl unipersonale si riserva la facoltà di applicare sconti e promozioni le cui condizioni saranno indicate in maniera precisa sul Sito. Gli sconti e le promozioni avranno validità limitata nel tempo e saranno praticate solo agli ordini già completati e inoltrati entro il termine di scadenza dello sconto o della promozione. Non sarà sufficiente aver inserito il prodotto nel “carrello” entro il termine di validità della promozione per godere dello sconto.
5. Fattura
5.1 Per ogni Ordine confermato, Sea Holiday srl unipersonale, su richiesta del Cliente, emette fattura e la invia tramite e-mail all’intestatario dell’Ordine (di seguito, la “Fattura”).
5.2 Per l’emissione della Fattura verranno utilizzati i dati e le informazioni fornite dal Cliente all’atto dell’ordine. Il cliente garantisce l’esattezza e la veridicità dei dati conferiti ai fini dell’emissione della documentazione contabile e fiscale e se ne assume ogni responsabilità.
5.3 Successivamente all’emissione, non è ammessa alcuna variazione dei dati e delle informazioni inserite nella Fattura.
6. Spedizione e consegna
6.1 La spedizione e la consegna dei Prodotti è destinata al territorio italiano.
6.2 Tempi di spedizione
I tempi della spedizione possono variare dal giorno successivo a quello di Conferma dell’ordine ad un massimo di 30 (trenta) giorni dalla conferma dello stesso. Nel caso in cui il Venditore non sia in grado di effettuare la spedizione entro detto termine, ne darà tempestivo avviso all’Acquirente tramite e-mail inviata all’indirizzo da questo fornito nella procedura d’acquisto.

Indirizzo di spedizione
La spedizione dei Prodotti verrà eseguita all’indirizzo indicato dal Cliente. Resta inteso che il Cliente esonera sin da ora Sea Holiday srl unipersonale da ogni eventuale responsabilità connessa ad una errata consegna per il caso di indicazione di dati errati.

6.3 Responsabilità del soggetto che effettua la consegna
Per la spedizione e la consegna dei Prodotti, Sea Holiday srl unipersonale si avvale di società terze. Sea Holiday srl unipersonale declina ogni responsabilità per eventuali ritardi imputabili al vettore nella consegna del Prodotto al Cliente.
6.4 Controlli dell’Acquirente sul prodotto consegnato
Al momento della consegna l’Acquirente è tenuto a verificare che:

a) il numero dei colli consegnati corrisponda a quanto indicato nel documento di trasporto allegato alla merce spedita;

b) l’imballo risulti integro e non alterato anche nei nastri di chiusura se presenti.
Qualora la merce ricevuta non corrisponda all’ordine effettuato oppure siano assenti prodotti ordinati, l’Acquirente dovrà segnalare questa difformità entro 5 (cinque) giorni dall’avvenuta ricezione del pacco contattando direttamente il Venditore all’indirizzo e-commerce@ruffogroup.it. Il Venditore potrà richiedere opportune descrizioni ed evidenze a riprova della difformità (es.fotografie) e riscontrare positivamente al Cliente laddove rilevi che la difformità è reale e non imputabile al Cliente stesso. Può anche avvenire un reso parziale che riguardi solo i prodotti spediti erroneamente, purché gli stessi siano integri e con i relativi sigilli. Qualora l’Acquirente richieda il reso per il prodotto inviato erroneamente e la spedizione di quello corretto e quest’ultimo non fosse al momento disponibile, il Venditore procederà al rimborso e le spese di spedizione saranno a carico del Venditore.
6.5 Danni presumibilmente arrecati dal trasporto
Nel caso in cui la merce consegnata presenti eventuali danni presumibilmente arrecati dal trasporto, l’Acquirente può rifiutare la consegna e darne immediatamente comunicazione al Venditore, che provvederà ad effettuare le dovute contestazioni allo spedizioniere, provvedendo ad una nuova spedizione una volta ricevuta la riconsegna della merce contestata.
Nel caso in cui l’Acquirente decida comunque di accettare la merce in consegna, nonostante l’imballo risulti gravemente danneggiato e/o manomesso, al fine di salvaguardare i propri diritti dovrà contestare al corriere l’inidoneità della confezione, apponendo la scritta “RISERVA DI CONTROLLO MERCE A CAUSA DI …” (indicando la motivazione alla base della riserva in questione) sul documento di consegna, del quale dovrà trattenere una copia, per poi procedere a fare un’immediata segnalazione al Venditore.
6.6 In nessun caso Sea Holiday srl unipersonale potrà essere ritenuta responsabile per qualsiasi perdita, danno, errata o mancata consegna del Prodotto al Cliente, causati da eventi o cause di forza maggiore o caso fortuito, quali a titolo meramente esemplificativo ed indicativo: calamità naturali, rischi epidemiologici, avverse condizioni atmosferiche (quali ad esempio intense nevicate), eventuali scioperi (dei propri o di altri dipendenti), incidenti a mezzi di trasporto, esplosioni, o ogni altra causa, simile o diversa.
7. Metodi di pagamento:
7.1 Il cliente può effettuare il pagamento dovuto scegliendo una fra le seguenti modalità elencate:

  • Paypal;

  • Carta di credito;

  • Contrassegno ( + 5 €)

    L’Acquirente garantisce al Venditore che egli dispone delle autorizzazioni necessarie per utilizzare il metodo di pagamento scelto per il suo Ordine al momento dell’invio dell’Ordine.
    7.2 Tutti gli Ordini sono pagabili in Euro, tasse e contributi obbligatori inclusi. Eventuali spese bancarie saranno a carico esclusivo dell’Acquirente.

    7.3 Il pagamento mediante contrassegno potrà avvenire esclusivamente in contanti, non sarà ammesso il pagamento in contrassegno con assegno. Nel caso in cui vi sia necessità di procedere ad un rimborso secondo le presenti Condizioni Generali di Vendita e fosse stato scelto tale metodo di pagamento, il rimborso avverrà mediante bonifico bancario alle coordinate IBAN che saranno indicate dall’Acquirente.

    7.4 La proprietà dei prodotti ordinati rimarrà in capo al Venditore sino al momento in cui l’intero corrispettivo dell’Ordine, ivi incluse spese di spedizione, tasse e altri contributi obbligatori (ove previsti) siano interamente pagati dall’Acquirente.

    Tutti gli ordini, prima di essere evasi, sono sottoposti a verifiche di genuinità direttamente dai relativi istituti di emissione della carta di credito, a tutela del cliente. Ove, per qualsivoglia ragione, non risultasse possibile l’addebito dell’importo dovuto, il processo di vendita sarà automaticamente annullato e la vendita sarà risolta ex art. 1456 c.c. Il Cliente verrà informato tramite comunicazione e-mail.

    7.5 Sea Holiday srl unipersonale non sarà responsabile dell’eventuale uso illecito o fraudolento che possa essere fatto, da parte di terzi, di carte di credito o altri mezzi di pagamento, all’atto dell’acquisto del prodotto, non essendo, in nessun momento della procedura d’acquisto, in grado di conoscere il numero di carta di credito del Cliente che, attraverso una connessione protetta, viene trasmesso direttamente al gestore del servizio bancario.

    8. Diritto di Recesso
    8.1 Ai sensi degli articoli 52 e ss. del D.Lgs. n. 206/2005 (di seguito, “Codice del Consumo”), il Cliente che riveste la qualità di consumatore ha diritto di recedere dal contratto di acquisto dei Prodotti senza dover fornire alcuna motivazione e senza il pagamento di alcuna penale (di seguito, “Recesso”), fatto salvo il rispetto delle condizioni di seguito elencate.
    8.2 Il diritto di Recesso decade decorsi 14 (quattordici) giorni dal giorno in cui il Cliente o un terzo, diverso dal vettore e designato dal Cliente, riceve e acquisisce il possesso fisico del Prodotto.
    8.3 Per esercitare il diritto di Recesso, il Cliente dovrà inviare a Sea Holiday srl unipersonale una comunicazione scritta contenente indicazione della decisione di recedere, entro i termini di cui all’art. 8.2 che precede. Tale comunicazione dovrà essere inviata a mezzo raccomandata a/r da recapitarsi all’indirizzo: Sea Holiday srl unipersonale, Piazza Mazzini n. 22 – 55049 Viareggio (LU) oppure mediante mail all’indirizzo: e-commerce@ruffogroup.it. Rimane ferma la possibilità per il Cliente di esercitare il diritto di recesso utilizzando il testo tipo di cui all’Allegato I del D.lgs. 206/2005 “Con la presente io ___________________ notifico il recesso dal mio contratto concluso per l’acquisto dei seguenti beni _____________________ ordinati il ______________ ricevuti il ____________________ – Nome Acquirente; Indirizzo dell’Acquirente; Firma dell’Acquirente e Data (se notificato in forma cartacea)”.

8.4 Una volta pervenuta la comunicazione di Recesso, Sea Holiday srl unipersonale provvederà a indicare, tramite e-mail, al Cliente le istruzioni sulla modalità di restituzione del Prodotto.

8.5 Il Cliente dovrà provvedere a spedire, utilizzando un vettore a propria scelta, entro 14 (quattordici) giorni dalla data di ricezione della comunicazione di cui all’art. 8.4 che precede, i Prodotti acquistati all’indirizzo indicato nella e-mail inviata da Sea Holiday srl unipersonale. Non sarà accettata la restituzione dei prodotti oltre il termine legale stabilito per il recesso come sopra indicato. Non saranno accettati pacchi inviati a spese del destinatario.

8.6 Resta intesto che ai sensi dell’articolo 57, I comma, del Codice del Consumo, i costi e i rischi legati alla restituzione dei Prodotti sono a carico del Cliente.

8.7 Fatto salvo quanto precede, il Diritto di Recesso è soggetto alle seguenti condizioni:

  • –  il Prodotto deve essere restituito integro, nella sua interezza e completezza, opportunamente imballato

    nella confezione originale e corredato di tutti gli eventuali accessori originali e di tutte le etichette ricevuti

    insieme all’ordine, incluso l’eventuale manuale di istruzioni.

  • –  deve essere evitata l’apposizione di etichette o nastri adesivi direttamente sulla confezione originale del

    Prodotto;

  • –  le spese di spedizione relative alla restituzione del Prodotto sono interamente a carico del Cliente.
    8.8 Il Cliente decade dal diritto di Recesso nel caso in cui non siano rispettate le condizioni di cui all’art. 8.7 che precede.
    8.9 Il diritto di Recesso è escluso, ai sensi dell’articolo 59 lett. c) e lett. e) del Codice del Consumo, nel caso di beni su misura e personalizzati e di beni sigillati che non si prestano ad essere restituiti per motivi igienici o connessi alla protezione della salute. Pertanto, Sea Holiday srl unipersonale si riserva di non procedere al rimborso di alcuni Prodotti, qualora i sigilli apposti sulla confezione contenente il medesimo risultino essere stati aperti e/o manomessi in qualunque modo, ovvero il Prodotto risulti essere stato utilizzato, al fine di garantire la tutela della salute e dell’igiene della propria clientela. A scanso di equivoci si precisa che le lenti a contatto e i liquidi per la loro conservazione, in quanto prodotti sterili, non possono essere restituiti qualora le confezioni siano state aperte o danneggiate.
    8.10 Fatte salvo quanto previsto dall’art. 8.9 che precede, Sea Holiday srl unipersonale provvederà a rimborsare e riaccreditare al Cliente il Prezzo pagato, ad esclusione delle Spese di Spedizione, entro 14 giorni dal ricevimento del Prodotto restituito.
    9. Garanzia del prodotto
    9. 1 Il Venditore risponde per ogni eventuale difetto di conformità che si manifesti entro il termine di 2 (due) anni dalla consegna del bene.
    9.2 L’Acquirente decade da ogni diritto qualora non denunci al Venditore il difetto di conformità entro il termine di 2 (due) mesi dalla data in cui il difetto è stato scoperto.
    9.3 In ogni caso, salvo prova contraria, si presume che i difetti di conformità che si manifestano entro 6 mesi dalla consegna del bene esistessero già a tale data, a meno che tale ipotesi sia incompatibile con la natura del bene o con la natura del difetto di conformità.
    9.4 In caso di difetto di conformità, l’Acquirente potrà chiedere, alternativamente e senza spese, alle condizioni di seguito indicate, la riparazione o la sostituzione del bene acquistato, una riduzione del prezzo di acquisto o la risoluzione del presente contratto, a meno che la richiesta non risulti oggettivamente impossibile da soddisfare ovvero risulti per il Venditore eccessivamente onerosa.

9.5 Un difetto di conformità sussiste quando il prodotto acquistato:

  1. a)  non è idoneo all’uso al quale servono abitualmente beni dello stesso tipo;

  2. b)  non è conforme alla descrizione fatta dal venditore e non possiede le qualità del bene che il venditore ha presentato al consumatore come campione o modello;

  3. c)  non presenta le qualità e prestazioni abituali di un bene dello stesso tipo che il Consumatore può ragionevolmente aspettarsi, tenuto conto della natura del bene e anche delle dichiarazioni fatte nella pubblicità o sull’etichettatura di quel bene;

  4. d)  non è idoneo all’uso particolare voluto dal Consumatore se portato a conoscenza del venditore al momento dell’acquisto.

9.6 Non sono coperti dalla garanzia i prodotti che presentino chiari segni di manomissione o guasti causati da un loro uso improprio o da agenti esterni non riconducibili a vizi e/o difetti di fabbricazione.
9.7 La Garanzia non si applica in caso di: deterioramenti estetici, causati da usura e dall’uso del prodotto; usi errati, impropri e/o contrari a quelli indicati nel Manuale di Istruzioni che accompagna il prodotto; alterazione, riparazione, manomissione del Prodotto.

9.8 La richiesta di garanzia dovrà pervenire in forma scritta, via posta raccomandata a/r all’indirizzo: Sea Holiday srl unipersonale Piazza Mazzini n. 22 – 55049 Viareggio (LU) oppure via mail
all’indirizzo: e-commerce@ruffogroup.it. Nella denuncia è opportuno descrivere il difetto, anche attraverso fotografie e video nonché indicare la data di scoperta del vizio stesso. Il Venditore riscontrerà all’Acquirente – se è disponibile a dar corso alla richiesta – ovvero le ragioni che gli impediscono di farlo – entro 7 (sette) giorni lavorativi dal ricevimento della comunicazione da parte del Cliente. Nella stessa comunicazione, ove il Venditore abbia accettato la richiesta dell’Acquirente, dovrà indicare le modalità di spedizione o restituzione del bene nonché il termine previsto per la restituzione o la sostituzione del bene difettoso.

10 Responsabilità per prodotti difettosi
10.1 Il Venditore non potrà essere ritenuto responsabile delle conseguenze derivate da un prodotto difettoso se il difetto è dovuto alla conformità del prodotto a una norma giuridica imperativa o a un provvedimento vincolante, ovvero se lo stato delle conoscenze scientifiche e tecniche, al momento in cui il produttore ha messo in circolazione il prodotto, non permetteva ancora di considerare il prodotto difettoso.
10.2 Nessun risarcimento sarà dovuto qualora il danneggiato sia stato consapevole del difetto del prodotto e del pericolo che ne derivava e nondimeno vi si sia volontariamente esposto. Allo stesso modo non sono attribuibili a responsabilità del Venditore i difetti che derivano dal cattivo e/o erroneo utilizzo dei beni acquistati, da cause esterne (es. urti, cadute, ecc.), dalla noncuranza e dall’uso improprio.
10.3 In ogni caso il danneggiato dovrà provare il difetto, il danno, e la connessione causale tra difetto e danno, anche attraverso descrizioni, fotografie e mezzi a disposizione del danneggiato.
11 Obblighi dell’Acquirente
11.1 L’Acquirente si obbliga a pagare il prezzo del bene acquistato nei tempi e modi indicati dal
presente contratto e a ritirare il prodotto.
11.2 L’Acquirente si impegna, una volta conclusa la procedura d’acquisto online, a provvedere alla stampa e alla conservazione del presente contratto ricevuto via e-mail in allegato alla conferma dell’ordine di acquisto.

11.3 Le informazioni contenute in questo contratto sono state, peraltro, già visionate e accettate dall’Acquirente – il quale ne dà atto – prima della conferma di acquisto, attraverso procedure telematiche. 11.4 Il Cliente non potrà cedere a terzi, né in tutto né in parte, i diritti e gli obblighi scaturenti dalle presenti Condizioni Generali.

11.5 Il Cliente è responsabile di ogni violazione delle presenti Condizioni Generali e si impegna a manlevare e tenere indenne Sea Holiday srl unipersonale da qualsiasi pretesa, anche di terzi, a qualsivoglia titolo, comunque avente causa della violazione delle presenti Condizioni Generali e/o dalla violazione di leggi o regolamenti o provvedimenti amministrativi.

Sea Holiday srl unipersonale declina ogni responsabilità per eventuali danni derivanti dall’inaccessibilità del Sito, da interruzioni del servizio, o da problemi comunque connessi alla rete, ai provider, al mancato e/o difettoso funzionamento delle apparecchiature elettroniche del Cliente stesso.
12 Dichiarazioni dell’Acquirente

Il Cliente dichiara e garantisce:

  • –  di aver letto e compreso le Condizioni Generali;

  • –  di essere maggiorenne secondo la sua giurisdizione locale e di essere capace di agire e sottoscrivere

    contratti legalmente vincolanti;

  • –  di utilizzare il Prodotto secondo le modalità e con le precauzioni indicate nel Manuale di Utilizzo;

  • –  di rivestire la qualità di consumatore e, ai sensi dell’art. 3, I comma, lett. a) del Codice del Consumo, si

    ricorda che è consumatore la persona fisica che agisce per scopi estranei all’attività imprenditoriale,

    commerciale, artigianale o professionale eventualmente svolta;

  • –  di astenersi dall’immettere nel Sito qualsiasi contenuto osceno, offensivo, violento, diffamatorio, lesivo

    della dignità personale, blasfemo e che, in particolare, non contiene: affermazioni razziste o inneggianti all’inferiorità o superiorità di una razza, popolo o cultura rispetto alle altre o rispetto a minoranze, apologie di crimini contro l’umanità; incitazioni all’odio o alla violenza; contenuti sessualmente espliciti, pornografici o pedo-pornografici; minacce o molestie; informazioni o messaggi che istruiscano su attività illegali, inducano ad attività illegali o che possano causare pregiudizio a terzi; incitamenti a comportamenti pericolosi e a rischio emulazione da parte di minori o all’uso di droghe o al maltrattamento di animali; messaggi, anche occulti, di natura promozionale e/o pubblicitaria; immagini non adatte ai minori di 18 anni;

  • –  di non diffondere virus, spyware, adware, rootkit, backdoor, trojan ed altre simili minacce informatiche;

  • –  di non utilizzare software o altri meccanismi automatici o manuali per copiare o accedere alle pagine del

    Sito o al loro contenuto.
    13 Risoluzione del contratto
    13.1 Qualora una Parte sia inadempiente nei confronti dell’altra con riguardo ad uno qualsiasi degli obblighi di cui al presente contratto, l’altra Parte potrà richiederne la risoluzione ai sensi degli art. 1453 c.c. e ss., fatto salvo in ogni caso il diritto al risarcimento del danno.
    13.2 Ai sensi dell’art. 1456 c.c., la parte che intenda avvalersi della risoluzione ne darà comunicazione alla controparte mediante invio di raccomandata a/r o PEC (Posta Elettronica Certificata), indicando la motivazione; gli effetti della risoluzione decorrono dalla data di ricezione della comunicazione di risoluzione risultante dalla ricevuta riconsegnata alla Parte che risolve e l’Acquirente avrà diritto esclusivamente alla restituzione dell’eventuale somma già corrisposta.

14. Mancato ritiro del pacco – risoluzione del contratto

14.1 Premesso che il ritiro del prodotto è uno specifico obbligo del Cliente, al momento dell’affidamento dell’Ordine al corriere selezionato, il Venditore invierà specifica mail con la quale informerà l’Acquirente dell’imminente consegna, anche attraverso il link della spedizione.
14.2 Il corriere effettuerà un primo tentativo di consegna alla data indicata dal tracking, in caso di mancata consegna procederà ad un secondo tentativo, salvo necessità di correzioni e variazioni dell’indirizzo per le quali dovrà attivarsi l’Acquirente stesso.
14.3 Fatto il secondo tentativo ad esito negativo per la consegna, il pacco risulterà in giacenza presso il Corriere nel termine stabilito ed indicato dalla pagina di tracking stesso. In base al Corriere, la giacenza può essere sbloccata o contattando lui direttamente o contattando il servizio Clienti del Venditore.
14.4 Scaduto il periodo di giacenza, l’Ordine viene restituito al Venditore e lo stesso informerà l’Acquirente che potrà richiedere nuovamente la spedizione a sue spese entro e non oltre 5 giorni dal ricevimento della comunicazione. Tale ipotesi non si configura in caso di acquisto con pagamento in contrassegno; in tal caso l’ordine, una volta rientrato presso il Venditore, viene immediatamente smantellato.
14.5 Se anche in questa ipotesi l’Ordine non venga reclamato, il Venditore comunicherà che il contratto è risolto di diritto e procederà al rimborso di quanto pagato dall’Acquirente e a smantellare il pacco entro e non oltre 30 giorni dalla comunicazione inviata;
14.6 Laddove il Venditore non fosse nelle condizioni di poter restituire il prezzo pagato a causa di incompatibilità del metodo di pagamento utilizzato all’acquisto con un accredito automatico, chiederà all’Acquirente di indicare le coordinate bancarie sulle quali voglia ricevere il rimborso. Decorsi dieci giorni senza ricevere riscontro, il Venditore emetterà un buono acquisto pari al valore del prezzo da rimborsare e lo invierà agli indirizzi di contatto dell’Acquirente. Con l’emissione del buono, l’Acquirente non avrà altro da pretendere nei confronti del Venditore.
15 Sospensione o Cessazione
15.1 Il Cliente riconosce ed accetta che, in caso di violazione da parte del Cliente della legge, di diritti di terzi o delle presenti Condizioni Generali, Sea Holiday srl unipersonale potrà a sua completa discrezionalità chiudere l’account del Cliente, impedirne l’accesso al Sito e/o intraprendere qualsiasi altra azione utile a tutelare i diritti e gli interessi attuali o potenziali di Sea Holiday srl unipersonale.
Fermo restando quanto sopra Sea Holiday srl unipersonale si riserva il diritto di rifiutare o cancellare Ordini che provengano:

  1. a)  da un Cliente con cui essa abbia in corso un contenzioso legale;

  2. b)  da un Cliente che abbia in precedenza violato le presenti Condizioni Generali;

  3. c)  da un Cliente che sia stato coinvolto in frodi di qualsiasi tipo ed, in particolare, in frodi relative a

    pagamenti con carta di credito;

  4. d)  da Clienti che abbiano rilasciato dati identificativi falsi, incompleti o comunque inesatti.

15.2 L’accesso al Sito potrà altresì essere temporaneamente sospeso in caso di problemi tecnici o per garantirne la manutenzione. Di tali interruzioni sarà data tempestiva comunicazione sul Sito. In qualsiasi momento Sea Holiday srl unipersonale potrà apportare miglioramenti e/o cambiamenti al Sito qualora ciò si renda necessario per ragioni tecniche o di compliance alla normativa vigente.
16 Legge applicabile e foro competente

16.1 Le Condizioni Generali sono integralmente regolate dalla Legge Italiana.

16.2 Per quanto non espressamente previsto dalle Condizioni Generali, si rinvia alle norme del Codice Civile, nonché ai D.lgs 206/2005 e D.lgs 70/2003 per quanto compatibili ed applicabili.
16.3 Per ogni controversia relativa all’interpretazione ed esecuzione del presente contratto sarà competente il Tribunale del luogo dove l’Acquirente, in qualità di consumatore, ha la propria residenza.
16.4 Qualora una qualsiasi delle disposizioni contenute nel presente contratto di vendita online sia considerata non valida, nulla o inapplicabile per qualsivoglia motivo, tale disposizione sarà ritenuta separata e non inciderà sulla validità e sull’applicabilità delle altre disposizioni.
17 Comunicazioni e Reclami
17.1 Le comunicazioni scritte dirette al Venditore e gli eventuali reclami saranno presi in esame unicamente se inviati tramite mail all’indirizzo e-commerce@ruffogroup.it. L’Acquirente si obbliga ad indicare nel modulo di registrazione al sito web la propria residenza o domicilio, il numero telefonico e l’indirizzo di posta elettronica al quale desidera siano inviate le comunicazioni del Venditore.
17.2 Ai sensi dell’art. 14 del Regolamento Europeo 524/2013 il Venditore informa l’Acquirente che in caso di controversia potrà presentare un reclamo tramite la piattaforma ODR (Online Dispute Resolution) messa a disposizione dalla Commissione Europea e raggiungibile al seguente link https://ec.europa.eu/consumers/ odr/main/index.cfm?event=main.home.chooseLanguage
18 Trattamento dei Dati Personali
18.1 Sea Holiday srl unipersonale in qualità di titolare del trattamento, si impegna a trattare i dati personali conferiti dal Cliente nell’ambito dell’acquisto di prodotti sul Sito nel rispetto del Regolamento (UE) 2016/679, del D. Lgs. 196/2003 e, in generale, della normativa applicabile in materia di protezione dei dati personali.
18.2 Per le informazioni sul trattamento dei dati personali, Sea Holiday srl unipersonale invita gli utenti alla lettura dell’informativa privacy e della cookie policy disponibili sul Sito.


Torna su